INTEGRAZIONE DELLA POLITICA ECONOMICA EUROPEA

In risposta e commento all’articolo di Paolo Valentino Corriere della Sera di Domenica 19 Maggio 2013 “Sì all’unione politica Berlino alla prova” di Paolo Valentino

L’Unione Politica Europea, più facilmente comprensibile, deve essere il processo d’integrazione politica economica europea che si può raggiungere facendo approvare  la Direttiva Europea dai  Governi d’Italia, Francia, e Germania che imponga a tutti gli Stati della Comunità Europea di far rielaborare dalla Corte dei Conti e dagli Istituiti analoghi alla Corte dei Conti Italiana e pubblicare in lingua inglese sulle Gazzette Ufficiali, i Bilanci di Cassa, Patrimoniali, Commerciali annuali e i bilanci Quinquennali di ciascun Stato membro,  in forma breve, trasparente, comprensibile anche all’uomo della strada.

Da l’esame dei  bilanci brevi ed uniformi si potranno confrontare le spese pubbliche correnti delle varie Amministrazioni e Servizi Pubblici statali e le spese pubbliche delle Autonomie Locali, e dei Servizi Pubblici locali. Si potrà evidenziare la spesa pubblica corrente dovuta alle spese operative e la spesa pubblica corrente dovuta al personale contabile amministrativo che in molti casi è eccessiva; in determinate circostanze la spesa pubblica per il personale contabile amministrativo è la metà rispetto alla spesa pubblica per il personale operativo, mentre non dovrebbe superare il 10 % rispetto alla spesa per il personale operativo, come medici, infermieri negli ospedali, o  gli autisti degli automezzi pubblici dei servizi di trasporto collettivo di persone; e parte del personale contabile amministrativo in esubero,  va spostato in impieghi utili come quelli di controllo della spesa pubblica per i lavori di appalto delle opere pubbliche e la possibilità di applicare sanzioni amministrative senza dover ricorrere all’autorità giudiziaria con il parere favorevole del Prefetto competente per territorio; o vanno messi in mobilità e lasciti a casa  e la riduzione del 20 % della spesa per gli stipendi, al quale risparmio del 20 % va aggiunto il risparmio del 10 % della spesa pubblica corrente per la chiusura dei relativi uffici inutili.  Sarà più facile per  le economie europee e la Comunità Europea  competere con le economie degli Stati dell’Asia, dell’Africa e delle Americhe, se si riuscirà a ridurre la spesa pubblica enorme dovuta al personale contabile amministrativo che non esiste in Germania, Inghilterra ed altri stati del Nord Europa.

Luigi Ferrari – Roma

————————————————————————————————————–

 

 

THE BOOK – Prevention of Floods and Erosion

LUIGI FERRARI

 

WORKS OF SOIL FROM FLOODS AND EROSION

 

TECHNICAL AND WORKS TO PREVENT MOISTURE FROM EROSIONS excess’ subsurface OF AGRICULTURAL LAND, WORKS FOR THE INCREASE OF SOURCES DOWNSTREAM crests of hills and mountains. MAINTENANCE WORKS FOR THE CONSTRUCTION OF RURAL ROADS NOT PAVED

TECHNIQUES OF ACCOMMODATION OF LAND S , HILLS  AND PLAINS

PROCESSING TECHNIQUES OF CULTIVATED FIELDS

 

FOREWORD

 

The present book is a revised updated and enriched with an earlier text entitled “Modern Techniques of Accommodation Soil” by pubblicatomi Edagricole in 1969 and 73 in the second edition, the copies were all sold.

Leggi tutto “THE BOOK – Prevention of Floods and Erosion”

RIDUZIONE DELLA SPESA PUBBLICA DELLA GIUSTIZIA MEDIANTE MODIFICHE DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE

RIDUZIONE DELLA SPESA PUBBLICA DELLA GIUSTIZIA MEDIANTE MODIFICHE DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE

 LETTERA APERTA AL GIUDICE NORDIO  SU  COME  RENDERE  PIU’ VELOCI

I  PROCESSI

 

Al comune cittadino poco interessa la separazione delle carriere tra procuratore della repubblica  e magistrato inquirente bensì avere sentenze giuste in tempi  il più possibile brevi e non dover aspettare anni e a volte decenni.

Elenco di seguito alcune regole da introdurre nel codice di procedura civile:

I termini perentori vanno stabiliti non solo per le parti, ma anche e soprattutto per i giudici; tra un udienza e l’altra il periodo massimo di tempo non deve superare i 15 giorni e trenta se le parti si trovano in luoghi diversi; questa regola deve valere anche se il numero dei processi da iniziare da una determinata data dovrà essere ridotto rispetto a ciò che avviene oggi.

Le notifiche dovranno essere fatte esclusivamente per raccomandata.

Per le cause di divisione di comunioni di  beni ereditarie o meno superato il termine di 3 – 6 mesi  senza che le parti non riescono ad accordarsi neanche con l’ausilio del giudice, lo stesso giudice dopo essersi recato obbligatoriamente  nei luoghi dove sono situati i beni purché tali beni si trovino in Italia provvederà, scelta la divisione fatta meglio tra quelle presentate dai periti di ciascuna  parte,

a determinare la data per effettuare la divisione notarile mediante ballottaggio se la comunione è divisibile o alla vendita se la comunione comprende beni indivisibili, sempre entro termini perentori di 3 – 6 mesi.

Oltre a i gravi danni psicologici per le parti dovuti alle lungaggini degli attuali processi, per molti beni come ad esempio quelli agricoli vi è anche il danno materiale della riduzione della loro produttività

CONCESSIONE AMMINISTRATIVA GRATUITA DI LOCALI ED APPARTAMENTI PER ASILI NIDO MICROFAMILIARI E CASE ALBERGO PER ANZIANI

CONCESSIONE AMMINISTRATIVA GRATUITA DI LOCALI ED APPARTAMENTI PER ASILI NIDO MICROFAMILIARI E CASE ALBERGO PER ANZIANI

 

Articolo 1) – Come avviene in Francia il corrispettivo per il rilascio delle licenze edilizie -:  a demolire edifici vecchi ed abbandonati e ricostruirne nuovi, a ristrutturare e sopraelevare edifici urbani, già dotati d’infrastrutture urbanistiche quali strade,elettrodotti, gasdotti, illuminazione, fognature ed acquedotti – va corrisposto in una percentuale di locali ed appartamenti da parte delle Imprese Costruttrici; le Amministrazioni Comunali provvederanno successivamente alla concessione amministrativa gratuita, a determinate condizioni,  ad imprese per la gestione di asili nido microfamiliari  e case albergo per anziani  senza famiglia localizzati e diffusi capillarmente  all’interno delle città .

 

Commento:  per aumentare la natalità italiana  occorre facilitare le famiglie unicellulari;  mezzo secolo queste  facevano parte delle famiglie patriarcali e per certi aspetti le giovani madri erano facilitate nel lavoro di madri dai nonni, dalle zie nubili; ora occorre creare strutture più economiche e più diffuse sul territorio e più facilmente gestibili rispetto agli attuali asili nido insufficienti e per di più a volte lontani dalle abitazioni e dal posto di lavoro; gli asili aziendali sono un ottima cosa, ma non coprono in maniera capillare il territorio e quindi occorrono nuove strutture come quelle indicate nel presente progetto di legge; anche l’assistenza agli anziani va migliorata e resa più capillare per evitare che vengano ghettizzati in ospizi lontani dal luogo di lavoro e/o di abitazione, né si debbono sentire mal sopportati dalle famiglie d’origine.